Cena vegana

Siamo andati in questo nuovo ristorante in Porta Ticinese.
“Paradiso vegano” si chiama.
Cucina esclusivamente vegana.
È da un mese che Marta non fa altro che contattare chiunque pur di trovare qualche coppia di amici disposta a venire con noi. Finalmente Pietro e Michela sono riusciti a liberarsi.
Marta non ha fatto altro che ripetermi di quanto cambiare l’alimentazione sia importante, che scelte come queste incidono sul clima, che la causa principale dei gas serra siano gli allevamenti intensivi.
Ho annuito per tutto il tragitto, sperando di risultare credibile.
In realtà ormai è talmente fissata con il salvare il mondo che parla da sola. È partita come un treno ad alta velocità e non sembra ci sia nessuno pronto a fermarla.
Io sono l’ultimo che ci proverà.
Sai che cazzo me ne frega di tutta sta roba.

Quando siamo arrivati al ristorante avevo la testa in procinto di esplodere.
Come se non bastasse anche Pietro e Michela erano entusiasti e felicissimi di provare questo nuovo locale.
Ci siamo seduti e abbiamo dato inizio alle danze.
Discorsi sul clima, sulle conseguenze per il nostro futuro e su quello degli animali.
Ogni tot minuti una pausa per sottolineare che quella roba presenta nel piatto avesse un sapore un po così, un po’ cosà.
Fino a ieri mangiavamo sui tombini, ora siamo diventati esperti di impiattamento e ci lamentiamo se in ciò che mangiamo non c’è un contrasto di sapori.
Acido e dolce allo stesso tempo, altrimenti è da buttare.
Poi la consistenza e il nome del piatto.
Abbiamo avuto da ridire su un po’ di nomi. Ancora un anno e finisce che ne apriamo noi uno di ristorante.

Non ho mai fumato così tante sigarette in vita mia.
Sono uscito dal ristorante con una fame assurda. Mi sarei volentieri fermato a prendermi una bella pizza capricciosa o direttamente al Mc Donald’s.

Siamo arrivati a casa abbastanza tardi.
Jessica, la babysitter, ci ha aperto la porta.
Ci ha detto che Martina si era addormentata un’ora prima e che la serata era andata bene.
Marta l’ha salutata e ringraziata. Io l’ho accompagnata fuori.
Aveva parcheggiato la macchina nella via che fa angolo con la nostra. Ci siamo guardati attorno e tutte le luci delle villette erano spente.
Ci siamo baciati calorosamente. Ho messo le mie mani un po’ ovunque e lei ha fatto lo stesso. Un manciata di secondi e mi sono rivitalizzato.

Ha ventun anni e studia medicina. Fa la babysitter per noi da circa un anno.
Scopiamo da una decina di mesi. Lo facciamo due-tre volte di fila, è insaziabile.
È la mia droga preferita. Mi tiene in vita.
Con Marta non ricordo neanche quando sia stata l’ultima volta e non mi interessa neanche.

Sono tornato dentro.
Ho detto a Marta che sarei rimasto a guardare un po’ di televisione, lei mi ha risposto che era distrutta.
Ci credo, ha parlato per più di due ore di fila.

Dopo una mezz’ora mi ha scritto Jessica.

“Allora com’è andata la serata? Che avete fatto di bello?”
“Siamo andati in un ristorante vegano. Loro hanno cercato di risolvere il problema dell’inquinamento e commentato i piatti, io ho recitato.”
“Cioè?”
“Ho cercato di mostrarmi interessato.
Ho dato la mia opinione su ogni discussione.
Ho criticato qualche piatto.
Ho fatto il bravo marito, il bravo padre.
Ho recitato.”
“Ti ho pensato tutta la sera!”
“Anch’io non ho fatto altro che pensarti”.
“Ti vorrei qui, ora. Ho voglia di te!”
“Anch’io ho voglia di te!”

Gezim Qadraku.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...