E se i Black Bloc facessero comodo?

Un mese di Maggio che si è aperto con scontri, contestazioni, polemiche e tante, troppe domande.  Due i cortei di protesta da segnalare, quello di Milano del primo maggio e due giorni dopo quello di Bologna. Nati con intenzioni pacifiche, finiti in tutt’altra maniera.
Nell’arco di 72 ore, si è potuto notare come il comportamento delle forze dell’ordine sia passato da un estremo all’altro.
renzi_contestato_alla_festa_dell_unit_il_premier_non_mi_fermo_per_4_fisch-0-0-439400

Cos’è successo a Bologna?
Si festeggiavano i settant’anni della liberazione e la prima festa dell’Unità. Il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, era atteso al parco della Montagnola. Un parco pubblico, che per l’occasione è stato militarizzato.
Perché? Sicuramente per la paura che potesse ripetersi quello che era accaduto a Milano due giorni prima. Il collettivo di protestanti ha cercato di entrare dall’ingresso principale, il quale era stato chiuso e messo al sicuro dagli agenti di polizia. Dopo un lancio di uova e insulti, con scarsi risultati, il corteo si è spostato ad un’altra entrata.
Con mani alzate e volti scoperti sono continuati i cori, le offese e le richieste di poter parlare con Renzi. I due fronti si sono avvicinati sempre di più e una volta venuti faccia a faccia, la polizia ha caricato. Manganellate, spinte, calci e pugni.
Risultato? Una donna a terra con un braccio rotto. Molti ragazzi feriti. Ma sopratutto tanta indignazione e molta rabbia.  La stessa che i protestanti hanno ribadito con urla e cori, fuori dal parco durante il discorso di Renzi.  Un discorso nel quale, il presidente del consiglio dei ministri ha evocato la libertà di espressione. Proprio quando qualche attimo prima, chi si era permesso di utilizzare questo diritto era stato aggredito dalle forze dell’ordine.

renzi-1000x600

E allora qualche domanda sorge spontanea. Perché due giorni prima chi si è permesso di mettere a ferro e fuoco Milano non è stato sfiorato? Perché invece, chi contesta civilmente viene caricato?
E’ interessante dare un’occhiata alla guerra che si svolge sui social ogni giorno. Quello dei social è un conflitto denso di errori. C’è sempre fretta di prendere una posizione, quando succede qualcosa che attira l’attenzione del paese intero. E allora tutti sulla giostra a inveire contro i Black Bloc, contro il ventenne ( decisamente sotto l’effetto di qualche sostanza) che giustifica la violenza, contro i poliziotti che non hanno fatto niente, contro le stesse forze dell’ordine che due giorni dopo si sono permessi di fare l’esatto opposto.
E’ uno sprint a chi se la prende per primo con il colpevole di turno. Commettendo l’errore che caratterizza queste situazioni. La mancanza di lucidità nel cercare di guardare più a fondo a quello che ci viene detto e mostrato dai media.
Mi soffermo su quello che è accaduto a Milano, perché ci ho trovato più di qualche somiglianza ai fatti di Genova di quattordici anni fa. Il caso della scuola Diaz è tornato sotto i riflettori mondiali, quando qualche settimana fa, la corte Europea dei diritti dell’uomo ha qualificato il blitz della polizia alla scuola come TORTURA.
Anche a in quel caso i Black Bloc non furono sfiorati.
Allora ci si chiede, se in entrambe le occasione, era questa l’unica soluzione possibile?
In molti dicono che se fossero stati attaccati sarebbe scoppiata una situazione ingestibile.
Si, forse, probabile. Non è da scartare come ipotesi.
Da prendere in considerazione le dichiarazioni di un agente di polizia, dopo gli scontri di Milano.
“Ci sono stati dei momenti in cui tutti noi sapevamo che si potevano prendere, fermare. Ma il funzionario ha detto no. Era un ordine e noi agli ordini dobbiamo obbedire. Ci sono alcuni funzionari che i gradi sembrano averli vinti con i punti delle merendine. 
A un certo punto li avevamo chiusi in una piazza. In quel momento i black bloc si potevano bloccare, se ne potevano fermare parecchi. Bastava spostare un po’ di uomini e si potevano chiudere del tutto. È vero che avremmo sguarnito il presidio verso la Scala, ma si poteva ridislocare solo una parte degli agenti”, racconta l’uomo, osservando che “già dalla vigilia si sapeva che l’orientamento era di evitare il contatto a tutti i costi.Fa rabbia vedere la gente che piange perché ha il negozio distrutto. La gente che ti chiede perché non li hai fermati”, commenta l’agente. Veniamo addestrati per fare queste cose, ma se poi non le dobbiamo fare perché ci addestriamo?”.
E se invece facesse comodo il loro intervento? Se fosse qualcuno a mandarceli?

EXPO_FOODIE

Fermiamoci un attimo. In questi mesi si è parlato praticamente solo di Expo. Nessuno ha avuto il coraggio di parlarne bene. Sprechi, mafia, appalti, debiti, lavori in ritardo.
E dal giorno dell’inaugurazione invece?
Parole al miele, elogi, messaggi di soddisfazione. Per quanto possano essere belli i padiglioni e tutto il resto, non posso metterlo in dubbio vedendo le immagini, non capisco come sia stato possibile questo cambio di rotta in un lasso di tempo così breve. Come mai si è passati da un estremo all’altro? Ci si è già dimenticati di tutto il fango che ha caratterizzato l’evento più atteso dell’anno?
Il governo ha avuto tutto quello che sembrava impossibile fino a poche ore prima dell’inaugurazione. Un’ottima figura, complimenti per l’organizzazione, messaggi di soddisfazione e soprattutto, l’attenzione dei media dirottata su altro.
Nonostante i lavori non siano ancora stati finiti, o finiti male. Vedi l’incidente del padiglione della Turchia, che ha causato la corsa al pronto soccorso di una visitatrice. Numerosi fonti ci raccontano che il padiglione più indietro nei lavori sia quello italiano, che simpatica coincidenza.
Ci si è subito dimenticati anche del problema del lavoro in Italia. La figura del lavoratore offuscata dalla partenza dell’Expo, proprio nel giorno della festa nazionale dei lavoratori.
Mi viene dunque da dire, che per il governo e per le forze economiche del paese, l’azione dei Black Bloc è stata una manna dal cielo.

Fonti:

http://www.huffingtonpost.it/2015/05/04/expo-agente-milano_n_7202516.html
http://www.serviziopubblico.it/2015/05/renzi-carogna-fuori-da-bologna-gli-scontri-e-limmagine-choc-della-manifestante-ferita/
-http://video.corriere.it/renzi-bologna-scontri-fischi-fa-riforme-destra/ea02014c-f21f-11e4-88c6-c1035416d2ba

Gezim Qadraku.

Annunci

4 pensieri su “E se i Black Bloc facessero comodo?

  1. Credo che ci sia un detto che sia un detto adattabile a questi recenti fatti: “Per nascondere l’albero, usa la foresta”.
    Ed in questo caso la foresta è abbastanza grande e fitta, amplificata dai due nostri migliori amici : i media e i social.
    In un panorama dove la rapida diffusione di informazione e l’informazione stessa costruiscono eserciti che determinano schieramenti, non esiste alcun punto di chiarezza.
    Ed allora vedo massoni, uomini d’onore e politici fregarsi le mani ed accarezzare il pelo dei loro animaletti giornalisti, pronti a fomentare l’odio dei cosiddetti “pigramente informati” e degli ottusi. Siamo cani rabbiosi che assistono inermi all’apocalisse della libertà di informazione.
    Grande Gezim! Ottimo articolo.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...